Jökulsárlón

 

Lungo la Ring Road, nell’Islanda sud-orientale, c’è una delle più grandi e spettacolari meraviglie naturali d’Europa: stiamo parlando della laguna glaciale di Jökulsárlón, la cui visita deve essere assolutamente programmata e inclusa nel vostro viaggio.

Dopo aver lasciato la piccola cittadina di Vik ed aver passeggiato Viknel bel parco naturale di Skaftafell (dove avrete senz’altro visto la splendida cascata di Svartifoss), sarete ormai diretti verso Hofn, costeggiando il ghiacciaio Vatnajokull (il più grande del nostro continente, dopo la Groenlandia): quando ormai il paesaggio mi sembrerà brullo, senza quasi più nessuna attrattiva (le nostre sono parole da prendere con le pinze, perchè siamo inJökulsárlón Islanda, dove tutto non è assolutamente ordinario), nel momento in cui penserete di dover accellerare per arrivare alla vostra meta, ecco che vi apparirà un ponte in metallo, che scavalca un piccolo fiume: non crederete ai vostri occhi quando vedrete un iceberg galleggiare tranquillo e placido, trascinato dalla corrente!

Vi trovate al cospetto del magnifico lago di Jökulsárlón, apparso tra il 1934 e il 1935 a causa dello scioglimento delle nevi perenni: dal Jökulsárlón1975 è in costante espansione, e oggi raggiunge i 18kmq (sebbene dalla strada sembri molto più piccolo); la peculiarità è che nelle sue acque si schiantano gli iceberg che si staccano dal Breiðamerkurjökull (un prolungamento del ghiacciaio Vatnajokull), che poi vagano senza meta al suo interno anche per cinque anni, scongelandosi e ricongelandosi, prima di uscire in mare aperto tramite la corrente del cortissimo torrente Jokulsa.

Vi consigliamo caldamente di effettuare l’escursione che ne prevede la navigazione: sulla sponda est, è situato un piccolo bar-ristoro,Jökulsárlón all’interno del quale è situato l’ufficio-informazioni della compagnia che organizza l’esplorazione del lago, ed è possibile imbarcarsi anche subito dopo aver acquistato il ticket (in bassa stagione è probabile dover aspettare un po’ di più); a seconda dell’affluenza, sarete fatti accomodare o su un gommone o su un mezzo anfibio più grande e, dopo aver indossato il giubbotto salvagente, sarete pronti per un’esperienza indimenticabile!

L’equipaggio spiega in inglese l’origine della formazione del bacino, oltre a dare informazioni di natura geologica, storica e geografica e Jökulsárlónvi accompagna alla scoperta delle più belle formazioni di ghiaccio: alcune sembrano delle vere e proprie sculture! Gli iceberg possono essere di un azzurro accecante, oppure grigiastri (a causa delle infiltrazioni di sedimenti), ma senza dubbio vi lasceranno senza parole, ammutoliti di fronte a tanta bellezza Se sarete fortunati, vi consentiranno anche di “assaggiarli”: gusterete così una “pietanza” vecchia di migliaia di anni!

Oltre a restare ammaliati dall’incredibile paesaggio, potrete ancheJökulsárlón ammirare le foche: questi graziosi animali sono infatti presenti in abbondanza, anche se non amano essere disturbati dagli esseri umani…Non appena avvistati, infatti svaniranno, spaventati dalle grida di stupore e meraviglia, ma se sarete svelti però potrete fotografarne i deliziosi musetti e vantarvi, una volta a casa, di essere riusciti a vederle!

La navigazione dura 45 minuti, che vi sembreranno brevissimi: non Jökulsárlóndimenticate di portare indumenti pesanti e impermeabili, perchè ahimè in questa zona il tempo è spesso inclemente, e le temperature raramente superano i 2/3 gradi…per ristoravi potrete poi bere una cioccolata calda al bar e acquistare magari una bella cartolina: questo paesaggio polare talmente spettacolare non è ovviamente sfuggito nemmeno a Hollywood!Jökulsárlón
In questa freddissima cornice infatti sono state girate delle scene di “Tomb Raider”  (i mezzi anfibi furono anche dipinti di grigio per simulare i sommergibili russi), alcuni passaggi della lunghissima e blasonata serie di 007 “La morte può attendere”, ed altre altamente adrenaliniche del famoso ”Batman Begins”, con Christian Bale e Morgan Freeman.

Per maggiori informazioni: contattaci