Laufàs

 

Giunti ad Akureyri, la “capitale del nord” dell’Islanda, non potrete non spingervi sino a Laufàs (circa 15 km), dove si può ammirare una bellissima fattoria, testimonianza della faticosa vita dei contadini in questa remota parte di mondo.

Adagiata di fronte ad un panorama mozzafiato sulla sponda orientale dell’Eyafjordur, Laufas è un complesso agricolo del XIX secolo e si compone di un gruppo di case dal tetto in torba Laufàs(tecnica utilizzata per isolare termicamente le stanze) e di una chiesetta, dedicata a San Pietro: in qualsiasi momento dell’anno sarà senz’altro possibile effettuare un sopralluogo degli esterni (e del luogo sacro, se aperto), ma dovrete però aspettare almeno la metà di maggio per poter visionare anche gli interni, dal momento che la stagione turistica inizia proprio in quel periodo: prima, si rischia di trovare ancora neve e gelo!

Potete lasciare la vostra autovettura nel parcheggio gratuito circaLaufàs 100 metri oltre il sito (che vedrete comparire, lungo la SS83, alla vostra sinistra): da lì, due passi a piedi ed arriverete alle graziose costruzioni, che guardano il mare: si può gironzolare attorno in lungo e in largo, senza essere disturbati e, qualora abbiate optato per una visita all’interno (il ticket si acquista nel grazioso caffè di fronte al parcheggio), ci sarà da ammirare Laufàsla ricca esposizione di utensili utilizzati dai braccianti per la coltivazione dei terreni circostanti e per l’allevamento, che permetterà di comprenderne meglio lo stile di vita; nessuna maggiorazione è richiesta invece per entrare nella chiesa, datata 1865, che vanta un pulpito intarsiato con figure dei santi protettori del luogo.

Un tour qui vi porterà via poco più di un’oretta e mezza (partendo da Akureyri), quindi non moltissimo: vale dunque davvero la pena di fermarsi in quest’incantevole luogo che pare essere sospeso in un’epoca che non c’è più.

Per maggiori informazioni: contattaci