Castello di Trakai

 

Se siete reduci da una visita alla bella Vilnius, non potrete andarvene soddisfatti se non visiterete un piccolo gioiello poco lontano: il castello di Trakai.

La cittadina omonima sorge a una trentina di km circa dalla capitale lituana e, in epoca medievale, il granduca Gedimino vi trasferì qui la Castello di Trakaisua corte; il figlio Kestutis, successivamente, fece in questo luogo costruire una fortezza, detto “castello vecchio” o della penisola, che doveva servirgli da abitazione. Negli anni seguenti, dopo svariate lotte di potere, misteriosi omicidi per successioni dinastiche, battaglie e guerre, il granduca Vitoldo fece edificare un’altra struttura che, a differenza della precedente, doveva essere protetta in modo migliore e senza possibili fianchi scoperti: nacque così il “Castello dell’Isola”.

Questo maniero in stile gotico, situato su di uno dei piccoli fazzoletti di terra emersi dal lago Galve, conobbe un periodo di grande successo, nel quale fu ampliato fino a raggiungereCastello di Trakai l’estensione che oggi vediamo, ma poi fu abbandonato secoli addietro, quando perse la sua funzione difensiva per diventare una semplice residenza estiva; per fortuna recentemente è stato ristrutturato e conferito quel colore rossastro che lo contraddistingue e lo fa spiccare anche a grande distanza; il visitatore che vi accede, lo dovrà fare tramite una passerella in legno che lo congiunge alla terraferma.

Varcato il portone d’ingresso, ci si troverà dinanzi ad un ampio cortile, sul quale si affacciano tre torri, e nel quale sono esposte Castello di Trakai(meteo permettendo) alcune delle torture più in voga nel medioevo, come la gogna e le gabbie; lungo le mura corrono delle balconate sulle quali su può anche passeggiare tranquillamente, entrando poi nelle sale dove sono state allestite delle mostre riguardanti la storia del castello, i suoi usi e costumi e la vita che ivi si conduceva.

Da qui, attraversando questo spiazzo sterrato, si può raggiungereCastello di Trakai la parte più interna della struttura, che è unito alla precedente con un ponte levatoio: oltrepassato l’androne e transitati sotto il corridoio dell’alta torre (35 m), eccoci nel cuore dello stabile principale; nelle due costruzioni laterali è possibile l’ingresso salendo tramite strettissime scale in legno di balcone in balcone, affacciati internamente sull’aia: anche qui si può visionare il materiale risalente all’epoca in cui la fortezza era la residenza del granduca, oltre che scoprire le varie fasi della sua edificazione.

Mentre tornerete al paese di Trakai, terminata la visita, voltatevi Castello di Trakaiogni tanto verso l’isola e ammirate la bellezza di questo castello, la cui posizione proprio in mezzo alle acque sembra quasi studiata da un pittore; inoltre, in alcuni punti della cittadina, lungo gli argini del lago, sarà possibile gettarvi un ultimo sguardo, magari da un’angolazione diversa e un po’ più insolita.

Per maggiori informazioni: contattaci