Caerphilly Castle

 

Se vi trovate in Galles e siete andati a visitare la capitale Cardiff, non potete esimervi dal fare una piccola deviazione per vedere una delle più grandi fortezze d’Europa: il Caerphilly Castle.

Il castello, secondo per estensione solo a quello di Windsor, sorge Caerphilly Castleal centro della verde pianura tra le colline di Mynydd Eglwysilian, nel mezzo di un lago (in realtà sono due: uno naturale ed uno artificiale, creato ad hoc deviando le acque di un vicino fiume a scopo difensivo); è un prototipo dei forti costruiti nel nord del paese: torri cilindriche e quadrangolari si alternano, fossati ed altro, che lo rendevano un capolavoro di architettura senza pari.

L’edificazione del maniero fu iniziata a partire dal 1268 ad opera di Gilbert De Clare, uno dei baroni più ambiziosi alla corte inglese di Caerphilly CastleEnrico III, per contrastare le velleità di conquista dei principi gallesi che ancora resistevano in varie parti del paese, in particolare di Llywelyn, che desiderava appropriarsi dei territori meridionali. Così, fu attaccato dai ribelli nel 1270, ma già dall’anno successivo la costruzione riprese, senza particolari interruzioni, sino alla forma attuale.

La pianta è quella tipica delle roccaforti medievali, con schema concentrico; in particolare Caerphilly mostra le mura esterne non particolarmente alte, per poi passare alle altre con un salto notevole; la parte orientale (la East Gatehouse) era Caerphilly Castleil vero cuore pulsante del castello e, qualora le vicissitudini l’avessero reso necessario, poteva anche essere difesa separatamente, avulsa quindi da tutto il resto. Si può notare, in ogni caso, che tutte le varie ali erano collegate fra loro da camminamenti, cunicoli, corridoi: non c’era luogo che non potesse essere agevolmente raggiunto in poco tempo; questa era senz’altro la grande forza che rendeva il maniero praticamente inespugnabile.

Entrando dalla porta principale, attraversando quindi il fossato, ci si troverà nel primo degli ambienti, completamente visitabile (l’ascesa alle torri regalerà un panorama sulle mura da non perdere); ma èCaerphilly Castle transitando sotto la Outer East Gatehouse che si giunge all’interno del cortile ove si svolgeva la vita (Inner Ward); da qui è possibile curiosare in ogni angolo e anfratto, scoprendo tante piccole cose, che ai tempi erano di incredibile pregio (come i camini, che denotavano stanze per ospiti di lusso). Nella Great Hall invece, si svolgevano le funzioni di rappresentanza e ancor oggi qui, in questa grande sala, si compiono manifestazioni di carattere evocativo, e si possono ammirare svariati stemmi.

Caerphilly CastleUna delle particolarità di Caerphilly è senza dubbio alcuno la bellissima Leaning Tower, la cui peculiarità è di essere inclinata maggiormente della più famosa “Torre di Pisa”: fu sbrecciata dalle truppe di Cromwell (condottiero e politico inglese) durante gli anni della Guerra Civile (XVII secolo), e come resti ancora in piedi è un mistero…
Non potrete non avvicinarvi e notare quanto sia incredibile lo squarcio!

Ma le potenzialità del maniero non furono a lungo utilizzate: già a metà del XIV secolo, venuta Caerphilly Castlemeno la minaccia del gallesi in questa parte di territorio, fu semi-abbandonato; è pazzesco pensare che, sul finire del 1700, fu permesso a Thomas Lewis of The Van di asportare pezzi di pietra per costruire le sue dimore private poco lontano: logicamente, in questo modo, fu accelerata sua la rovina. Ma per fortuna, decenni dopo, grazie alle ricchezze dei marchesi Bute, il castello fu restaurato (anche il fossato, prima prosciugato in quanto ritenuto inutile) e gli fu così restituito l’antico splendore.

Ma si può forse parlare di un castello senza menzionare anche lo Carphilly Castlespirito che lo infesta? Certo che no! La Dama Verde è il fantasma di una donna, si dice uccisa per amore, con abito appunto verde, testa enorme e occhi rigonfi; si aggira per le torri e per le stanze: c’è chi sostiene di averla veramente vista! Sara vero? Non si sa, la leggenda è però piena di fascino e attrae molti turisti, ansiosi di poterla incontrare.

Caerphilly è di proprietà del CADW, l’ente che in Galles si occupa della conservazione dei beni culturali, storici e civili: i possessori dell’Explorer Pass qui entrano gratuitamente, gli altri invece saranno tenuti ad acquistare un ticket.

Arrivare sin qui è molto semplice: una volta giunti a Cardiff basteràCastell Coch seguire le indicazioni per questa località e, più o meno in un quarto d’ora sarete già pronti per la visita: c’è un ampio parcheggio a pagamento poco distante dall’ingresso, dove lasciare tranquillamente la vostra autovettura. Già che siete qui, magari non sarà male poter visitare anche Castell Coch, sulla strada di ritorno verso la capitale Gallese: una roccaforte sempre voluta da Gilbert de Clare, da poco restaurata e ideale per una scampagnata domenicale.

 

Links utili:

http://www.cadw.wales.gov.uk/default.asp?id=6&PlaceID=39 nel sito del CADW, la pagina relativa alla nostra fortezza
http://www.castlewales.com/coch.html due parole in più per chi volesse fermarsi a Castell Coch

Per maggiori informazioni: contattaci