Leukerbad

 

Leukerbad è una piccola località di villeggiatura del canton Vallese (valle della Dala), nella Svizzera meridionale, che merita senz’altro una menzione tra i nostri itinerari, per la bellezza del paesaggio in primis, ma anche per le infrastrutture che è in grado di offrire al turista più esigente.

Un tempo unica via di collegamento tra il Canton Vallese e Berna, ha conosciuto alterne fortune proprio per la posizione privilegiata di solo passaggio attraverso le Alpi, verso nord; nel secolo scorso fu addirittura costruita una ferrovia che sin Leukerbadqui arrivava, partendo dalla cittadina di Leuk situata 15 km più a sud (all’imbocco della valle); purtroppo però venne poi smantellata a favore del traffico su gomma, di manutenzione meno onerosa; il traffico su rotaia, che già era stato spostato sull’asse Briga-Berna, cessò definitivamente di esistere. Ma Leukerbad si era già fatta il nome di centro invernale importante ed attrezzato: risalgono alla fine degli anni ’80 le edificazioni dei primi skilift (datato in realtà 1948) e seggiovie, che saranno poi ristrutturati e rimaneggiati fino a diventare fra gli impianti più all’avanguardia di tutta l’Europa.

Adagiata alle pendici delle maestose pareti verticali del Wildstrubel (m. 3243) e del Balmhorn (m. 3709), vanta addirittura reperti archeologici del IV secolo a.C.;  la sua fama però, è dovuta senz’altro alle sorgenti termali (che sono ben 65!) dalle quali sgorgano 3.9 milioni di litri d’acqua al giorno ad una temperatura fino a 51°. La storia locale èTerme di Leukerbad strettamente collegata a questa risorsa davvero senza pari; per la prima volta, le terme sono citate addirittura nel 1315, e in tutti gli anni successivi e fino ai giorni nostri, sono state visitate da milioni di persone, tra cui anche Goethe, che qui venne ispirato, Mark Twain, Pablo Ricasso…
La popolazione locale non ha potuto non sfruttare questo enorme beneficio naturale e ha costruito tutta una serie di centri Wellness sia pubblici che privati, sia in hotel di lusso che a conduzione famigliare; ma la bellezza del posto non è solo dovuta alla possibilità dell’ozio e del benessere che si può trovare, ma anche perché Leukerbad è senz’altro un luogo ove ammirare la maestosità della montagna in tutta la sua potenza: oltre ai già citati massicci (per i quali varebbe la pena in ogni caso venire!), si può salire al Gemmipass (con la funivia, costruita addirittura nel 1957) dal quale la vista sul Cervino e sul Monterosa assume una prospettiva inusuale e incantevole, per poi scendere a piedi tramite un sentiero scavato nella roccia che ha dell’incredibile!

Camminando per la cittadina si possono vedere molti locali che hanno proprio il “sapore” di alpino; si può entrare e sedersi ad uno dei tavoli sapientemente ricavati da tronchi d’albero e sorseggiare una cioccolata per riscaldarsi (anche se Leukerbadqui, la bevanda tipica è la birra!), oppure si può tranquillamente proseguire all’aperto, facendo vagare lo sguardo sui picchi che formano una corona tutt’intorno…Senz’altro da non perdere è anche l’architettura del luogo, fatta di casette ottimamente ristrutturate e talvolta dai colori freschi e vivaci; la strada principale, che scende dall’hotel Lindner&Alpentherme sino al torrente è costellata di negozietti davvero graziosi, che offrono anche la scusa per lo shopping; non dimenticate inoltre di guardare le fontanelle: i getti sono bollenti!

Ma l’attrattiva principale di Leukerbad resta senz’altro i bagni termali, dei quali abbiamo già precedentemente dato un accenno; la varietà dell’offerta e la copiosità delle acque hanno fatto sì che questo centro vantasse il titolo di “più grande stazione termale delle alpi”, e a buon diritto: piscine di grande estensione sono presenti in tutti i punti della città, molte delle quali comprese in centri attrezzati anche per trattamenti estetici; la specializzazione invece di centri per la cura delle malattie reumatiche, è parte di una tradizione ultracentenaria. SenzaTerme di Leukerbad dover entrare nello specifico, anche il turista che vuole solo godersi un panorama superbo comodamente a mollo, avrà modo di essere soddisfatto pienamente: a questo proposito, vogliamo segnalare un evento davvero romantico: il “bagno con la luna piena”.
Al centro termale “Lindner&Alpentherme”, un sabato sera di ogni mese, in concomitanza con la luna piena, viene organizzato un ingresso alle piscine (interna e d esterna) con la possibilità di poter bere un calice di champagne comodamente immersi nell’acqua, tra fumi e candele, giochi di luce…Un’idea davvero insolita ma molto affascinante, che consigliamo di provare; l’unico inconveniente è che bisogna sperare nella clemenza del tempo, qui spesso ballerino e molto freddo…

Naturalmente, non dimenticando la sua vocazione di centro turistico per tutte le età, Leukerbad mette a disposizione per l’escursionista estivo innumerevoli sentieri di vario livello e difficoltà; per l’amante della neve invece l’offerta è grandiosa: park per gli snowboarder, 50 km di piste da discesa per i Leukerbadpiù tradizionalisti e perfino 18 km di anelli di fondo; inoltre ben 40 km di mulattiere sono a disposizione di chi non può fare a meno delle “ciaspole” e delle emozioni che riservano.

Per giungere a Leukerbad dall’Italia (più precisamente dalla zona est, quindi dalla Lombardia) è necessario affrontare il Passo del Sempione (attenzione d’inverno: la neve sulla strada non è una rarità, sebbene in generale siano costantemente monitorate e pulite), giungere quindi a Briga e da lì dirigersi verso Sion; all’altezza dell’abitato di Leuk vi è la deviazione per ascendere alla nostra località; chi invece arriva dalle zone di Torino, Genova dovrà affrontare il traforo del Gran San Bernardo, e conseguentemente seguire la direzione opposta, prima Sion e poi verso Briga (si troverà a Leuk la cartellonistica).

 

Links utili:

http://www.leukerbad.ch/it/welcome.cfm il portale della cittadina svizzera vi aiuterà a soddisfare ogni vostra esigenza e curiosità

Per maggiori informazioni: contattaci